Book Now

Tutto quello che vuoi sapere sulla Valle d’Ampezzo

Impianti di risalita a Cortina

La Valle d’Ampezzo è uno dei luoghi magici della penisola italiana. Meta preferita di sciatori e sportivi, una delle caratteristiche maggiormente apprezzate è la forte organizzazione del territorio. La regina delle Dolomiti ha un ruolo chiave nell’ambito dello sci alpino, grazie anche ai 36 impianti di risalita a disposizione degli avventori. Dalle funivie alle seggiovie, è molto semplice raggiungere diverse località in maniera rapida e intuitiva. I turisti possono compiere un percorso ponderato che gli permetterà di sciare nelle località più esclusive della provincia di Belluno, ideale anche per neofiti dello sci alla ricerca di impianti e piste conformi alla loro esperienza.

Sport invernali nella Valle d’Ampezzo

La Valle d’Ampezzo si contraddistingue per un’ampia scelta di sport invernali in grado di soddisfare anche i più esigenti. Sede delle Olimpiadi invernali del ’56, è possibile allenarsi sull’illustre trampolino olimpico con rampa da 86,5 metri. In inverno è utilizzata prettamente per i salti con gli sci ma in estate funge da campo per calcio e salto a ostacoli. Gli appassionati possono pattinare nel celebre Stadio Olimpico del Ghiaccio, anch’esso edificato per le Olimpiadi invernali e meta d’elezione per giocatori di hockey e pattinaggio artistico. Essendo una struttura chiusa può essere utilizzata anche in caso di maltempo, offrendo svariate attività accessorie come open bar, solarium e discoteca su ghiaccio.

Leggi anche: cosa fare a Cortina quando piove

I bobbisti possono usufruire della pista olimpica nella località Ronco, quest’ultima dedicata a Eugenio Monti. Lunga più di un chilometro, è sede di gare internazionali e gode di un panorama meraviglioso, come tutta la valle d’altronde.
E per chi amasse semplicemente passeggiare lungo i sentieri innevati, le Cinque Torri rappresentano una delle tappe preferite grazie ai suoi scorci fiabeschi e alla presenza di innumerevoli rifugi in cui riscaldarsi e cenare al cospetto di un focolare acceso.

Leggi anche: rifugi a Cortina d’Ampezzo

Piatti tipici

In un luogo di tanta bellezza e incanto non può mancare la buona cucina. Il piatto più conosciuto sono i casunzei all’ampezzana, un raviolo con ripieno di barbabietole rosse servito con salsa al burro, parmigiano e semi di papavero. Ci sono diverse varianti nei ristoranti della valle, ognuna meritevole di un assaggio. Per le festività natalizie c’è invece l’usanza di accompagnare il panettone con una salsa al vino bianco. Anche le frittelle all’ampezzana sono un piatto tipico, cucinato in particolar modo durante il Carnevale.
La Valle d’Ampezzo è famosa anche per alcuni prodotti tipici come il Miele delle Dolomiti bellunesi, il formaggio Piave, una lunga lista di vini, la grappa e il liquore Prugna. Insomma, una continua coccola per il palato.

Leggi anche: cosa mangiare in un ristorante a Cortina d’Ampezzo

Parco naturale della Valle d’Ampezzo

Il Parco naturale della Valle d’Ampezzo è uno dei più ampi in Italia, nato nel 1990, è situato su un’area di 11.500 ettari. È la regione Veneto a occuparsi della sua gestione, in pieno rispetto del patrimonio naturale ampezzano. In quest’area protetta non ci sono edifici o complessi abitativi, né qualsiasi altra forma di impianto urbano. Il panorama si staglia in maniera selvaggia e indomabile, con due diramazioni naturali e diversi gruppi montuosi che ne animano l’ambiente. Al suo interno vivono più di 160 specie animali, diversificate grazie alla coesistenza di diversi habitat naturali. Il turista può visitare il Parco con il servizio Jeep, così da velocizzare l’esplorazione e raggiungere anche aree irraggiungibili a piedi.

2018-12-04T13:38:19+00:00